Vai ai contenuti della pagina

Territorio

territorio-procida

All’imboccatura del Golfo di Napoli, doppiato Capo Miseno, si incontra l’Isola di Procida, la più piccola delle isole dell’arcipelago napoletano dopo le consorelle Ischia e Capri. I tufi giallastri delle sue rocce di origine vulcanica fanno da contraltare alla varietà cromatica dei suoi vivacissimi centri abitati, al verde della rigogliosa vegetazione tipica della macchia mediterranea – che troneggia nella riserva naturale della piccola isola di Vivara a sud – e all’azzurro del mare limpido e splendente che la circonda lungo tutte le sue coste.

Dimora di re e aristocratici nel passato, residenza di letterati e artisti più recentemente, da sempre teatro di avvenimenti storici e spesso magnifica scenografia di film indimenticabili, l’isola offre ai turisti percorsi affascinanti attraverso chiese, conventi e abbazie, piazze e palazzi immersi in un’atmosfera incantata e irripetibile. I suoi borghi, da Terra Murata alla Corricella, sono costituiti da dedali di vicoli colorati e pulsanti di vita tra i quali si aprono scorci mozzafiato sul golfo di Napoli. Questi rivoli di vita si ricongiungono tutti nella pittoresca Marina Grande, approdo dei visitatori ed esplosione della laboriosità isolana.

La spiagge e le attrazioni dell’isola garantiscono un’ampia possibilità di scelta per ogni gusto. La Spiaggia della Silurenza e i tuffi dal famoso Scoglio del Cannone, la Spiaggia della Lingua nota per la pesca subacquea, quella dell’Asino descritta da Elsa Morante ne “l’Isola di Arturo”, quella della Chiaia riparata e conosciuta per i suoi deliziosi ristoranti. E ancora quella di Pozzo Vecchio immortalata da Massimo Troisi in alcune scene de “Il postino”. Sagre ricche di prodotti enogastronomici e artigianali di alto livello e una vita notturna ricca di possibilità e svaghi renderanno indimenticabile il vostro soggiorno sull’isola.